Leon Battista Alberti; Cosimo Bartoli [Editor]
L'Architettvra di Leonbatista Alberti: con la aggiunta de disegni — Florenz /​ Firenze, 1550

Page: 128
Citation link: 
http://tudigit.ulb.tu-darmstadt.de/show/Rf-476/0127
License: Creative Commons - No rights reserved (CC0)
0.5
1 cm
facsimile
> LIBRO QYINTO. *r I2j
bifogna che affortichino la Città loro non meno contro a Tuoi ; che contro a
Foreftieri; & talmente debbe effere afforzificata,che e’ polla a vn’ bifogno va
lerfi dello aiuto & de Tuoi ; & de Foreftieri ancora contro a fuoi . Nel patta-
to libro dimoftrammo come li haucua a fortificare vna Citta contro agli Ini
5 mici foreftieri ; confideremmo al prefente quel’che ella voglia hauere con-*
tro a nimici Terrazani. Euripide tiene per cofa certa, che la moltitudine na
turalmente fia vno Inimico potentiffimo, & che fe ella vorrà ridurre vnita-
mente infieme le fraudi, & gli inganni, diuenterà certamente inefpugnabile.
I fauifsimi Re del Cairo in Egitto,città di maniera popolatifsima, che e’ pen-
10 fauano che alhora ella flette fana,& bene; quando e’ non vi moriuano piu che
mille huomini il giorno : la diuilono con lotte d’acqua tanto fpette, che ella
non pareua di già vna fola Città, ma molte picciole Terricciuole congiunte
infieme : Et quello credo io che e’ facefsino, accio che la comodità deili Im-
peti fuffe diuifa & fparfa. Et per quello otténero facilmente,che innanzi trat
to non hauieno a temere de gli importanti motiui della moltitudine ; & fecó
dariamente di potere reprimere con facilità, i detti motiui fe pure ne nalceff
fero ; non in altra maniera che auerrebbe,fe di vno coloffo grandifsimo,fene
facefsino due,o piu flatue,piu trattabili,& piu portatili. I Romani non man-
dauano in Egitto alcuno Senatore, con autorità Proconfolare, ma diflribui-
uano a ciafcun’luogo huomini deb ordine de Caualieri. Il che dice Arriano
cheefsifaceuano,acciochevnaProuincia tanto dedita allainnouatione di
nuoui tumultfnon fuffe gouernata da vn’ folo. Et confiderarono neffuna Cit
tà effere fiata fenza difeordie de Cittadini piu che quelle, che o diuife da la
natura,come che fe vi paffaffe vn’ fiume per il mezo, o doueiufsino collinet-
»< te feparate in piu parti ; o che veramente polle parte in piano,& parte in col-
le , fufsino diuife da alcuna muraglia commodifsimamente ; & tal’ diuifione
non penfo io che fi habbia a tirare come vn’ Diametro a trauerfo duna pian
ta; ma come rinchiudere vn’circuito in vn’altro: Conciofia che i piu Ric-
chi come quegli, che vorrieno il paefe piu largo, Apporteranno facilmen-
jo te d’effere lafciati fuori del primo cerchio ; & latteranno volentieri alle Bec-
cherie , & alle altre Botteghe, & a Trecconi, il mezzo della Citta perii Mer-
cato ;& la poltrona Turba del Terentiano Gnatone, cioè Pizzicagnoli,
Beccai, & Cuochi & limili arrecherà piu ficurtà, & manco fofpctto, che fe
ella no fuffe feparata da Cittadini piu nobili. Ne fia fuori di propofito,quel’
js che fi legge ne gli ttritti di Fello, che Seruio Tullio comandò a Patritii, che
andafsino ad habitare nel Borgo ; accio che fe egli haueffero cerco habitan-
doin quel’luogo di fare innouatione,flandoui egli l'opra a ridotto, egli potef
fe opprimere in vn’ fubito. Quello muro dentro alla Terra bifogna murarlo
di maniera, che pafsi per tutte le regioni della città ; & di grofiezza & d’ogni
4© altra forte di lauoro bifogna alzarlo gagliardifsimo, & altifsimo, fino a tanto*
che foprauanzi a tutti 1 Tetti de gli edifitn priuati. Et bifognerà forfè ancora
afforzificarlo di Torri,& di merlature, &di fotte ancora da ogni banda ; ac-
qioche i tuoi Soldati nel llarui dentro mediante quelle difefi & ficuri, da per
utto lo pofsino difender’; Bifogna chelefue Torri non fieno aperte dallo
lato di dentro, ma chiufe di muro per tutto ; & bifogna che le fieno efpolle a>
1 ii
loading ...

DWork by UB Heidelberg
Universitäts- und Landesbibliothek Darmstadt   |    Imprint   |    Datenschutzerklärung   |    OAI   |    RSS   |    Twitter   |    seo-list